Domiciliarità: più fondi non bastano senza una nuova progettualità

Domiciliarità: più fondi non bastano senza una nuova progettualità

UFFICIO STUDI PIPPO MORELLI

08/06/2020



Domiciliarità: più fondi non bastano senza una nuova progettualità

Taccuino sul mondo nuovo


La crescita di attenzione verso la domiciliarità, legata alla recente pandemia, trova spazio nel “Decreto Rilancio” attraverso un nuovo stanziamento di risorse dedicate. Cristiano Gori e Marco Trabucchi prendono spunto da questa novità per affrontare una questione di fondo. In assenza di un profondo ripensamento della progettazione di questo fondamentale tassello dell'assistenza agli anziani, qualunque dotazione aggiuntiva di risorse rischia di rivelarsi un'occasione persa.

Il “Decreto Rilancio” appena presentato contiene un nuovo finanziamento dello Stato per l'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI). Si tratta di un evidente risultato della maggiore consapevolezza dell'importanza dei servizi domiciliari generata dalla pandemia.

In assenza di un profondo ripensamento della progettazione di questo fondamentale tassello dell'assistenza agli anziani, qualunque dotazione aggiuntiva di risorse rischia di rivelarsi un'occasione persa. 

In allegato l'articolo integrale.